La pietra del mese di Ziio: Corniola

Orecchini GOIABA BOTTONE Long ORANGE

Cosa ne pensate della nostra innovativa fusione di notizie e gemme sulla pagina “Pietra del Mese di Ziio”?

La corniola ha tutte le qualità di una grande gemma!

Questo mese proponiamo gioielli in corniola. Mi sono divertita molto a fare questa ricerca e spero sinceramente che sarete affascinati e deliziati quanto me nello scoprire questi gioielli e manufatti in corniola.

È molto interessante cercare e trovare questi tesori inestimabili nei musei di tutto il mondo. Ho capito quanto questa gemma sia stata apprezzata ovunque, da principi e regine di culture molto diverse. La corniola, con il suo colore attraente, è così amata che le vengono attribuite qualità di protezione, forza e vigore. Ho riscoperto anche il suo fascino e sono lieta di condividere con voi le sue grandi qualità estetiche.

Buona esplorazione e shopping!

Cordiali saluti,
Elisabeth

Come segno della nostra gratitudine,

per tutto il mese offriamo uno sconto speciale del 12% su tutti gli acquisti di gioielli in corniola.

Corniola: Una gemma della creatività

La corniola, conosciuta anche come carnelian, è una pietra semi-preziosa rinomata per la sua calda tonalità rosso-arancio. Appartiene alla famiglia dei calcedoni, una varietà di quarzo, ed è stata apprezzata fin dall’antichità per la sua bellezza e le sue proprietà metafisiche. Il colore ricco della pietra, che varia dall’arancione pallido al marrone-rossastro profondo, è dovuto alla presenza di ossido di ferro.

Oggi la corniola è ancora molto apprezzata in gioielleria e per la sua presunta capacità di aumentare la fiducia, la creatività e la vitalità.

Il Tesoro della Regina Puabi di Mesopotamia

La Regina Puabi era una figura prominente nell’antica Mesopotamia, specificamente nella città di Ur, intorno al 2450 a.C. La sua tomba, scoperta dall’archeologo britannico Sir Leonard Woolley nel cimitero reale di Ur, è uno dei più spettacolari ritrovamenti archeologici del XX secolo.

Tomba e Adornamenti

La camera funeraria della Regina Puabi era riccamente adornata con numerose offerte e ornamenti personali. Fu sepolta con una serie di oggetti in oro, argento e pietre semi-preziose, tra cui corniola e lapislazzuli. Il suo copricapo, uno dei pezzi più notevoli, includeva ghirlande d’oro e un pettine di supporto d’oro, decorato con perline e nastri fatti di questi materiali preziosi.

La ricchezza della sua tomba è evidente non solo nella quantità di oggetti preziosi, ma anche nella lavorazione artigianale di questi manufatti. Ad esempio, il suo copricapo da solo pesava circa 2,5 chilogrammi ed era adornato con motivi naturali come foglie di salice e pioppo realizzate con fogli d’oro

Fonte Museo Penn

Medio Regno – Dinastia 12, tardo–inizio 13 – Data: ca. 1850–1775 a.C. Egitto, Regione Memphita, sepoltura di Senebtisi, scavi MMA, 1906–07

Collari ampi indicavano lo status sociale di chi li indossava. I funzionari di alto rango, i reali e gli individui ricchi indossavano collari realizzati con materiali più lussuosi, mentre quelli di rango inferiore indossavano versioni più semplici realizzate con materiali meno costosi.

Collare ampio di Senebtisi

Senebtisi era una nobildonna dell’antico Egitto, probabilmente durante il periodo del Medio Regno, intorno alla 12ª Dinastia (circa 1985–1795 a.C.). È particolarmente conosciuta per la sua tomba a Lisht, scoperta nel 1907 da una spedizione guidata dal Metropolitan Museum of Art.

Medium: Faience, oro, corniola, turchese.

I collari ampi dell’antico Egitto, noti anche come “collari wesekh“, avevano un grande significato culturale e simbolico. I collari Wesekh erano spesso associati alla protezione e al potere e si riteneva che fossero impregnati della capacità di proteggere chi li indossava dai danni. I collari erano anche legati a varie divinità e nell’arte egizia antica venivano talvolta raffigurati indossati dalle divinità.

Il design dei collari wesekh era intricato e vario, spesso realizzato con materiali preziosi come oro, argento, faience (un tipo di ceramica smaltata) e pietre semipreziose. Questi materiali sono stati scelti non solo per la loro bellezza, ma anche per i loro significati simbolici. Ad esempio, il colore blu, spesso utilizzato in questi collari, rappresentava il cielo e il divino.

Fonte The Met

Anello con scarabeo dell'inizio del V secolo a.C. proveniente da un gruppo tombale presumibilmente di Vulci, una delle serie più ricche e impressionanti di gioielli etruschi mai ritrovati.

Anello etrusco in oro e corniola da Vulci

Vulci fu un’importante città etrusca nell’attuale Viterbo, in Italia, fiorente dall’VIII secolo a.C. al III secolo a.C.. Conosciuta per i suoi ricchi siti archeologici che hanno restituito importanti manufatti tra cui ceramiche, gioielli e affreschi.

Commercio ed economia: Vulci fu un centro di scambi commerciali con altre città etrusche, greche, fenicie e romane, contribuendo alla sua prosperità e agli scambi culturali.

Società e cultura etrusca: gli Etruschi avevano una società sofisticata con una forte enfasi sulla religione, sull’arte e sulla struttura sociale, dominata da una potente aristocrazia.

Utilizzavano una scrittura derivata dall’alfabeto greco. Nonostante la comprensione limitata, le iscrizioni forniscono indicazioni preziose.

La loro religione politeista prevedeva elaborati rituali funerari e credenze in una vita ultraterrena, che portarono alla creazione di elaborate tombe piene di corredi funerari.

Influenza su Roma: Gli Etruschi influenzarono in modo significativo l’architettura, la religione e il governo di Roma. I primi re romani e diverse pratiche culturali erano di origine etrusca.

Anello romano con intarsio di corniola

Le pietre di corniola, immensamente popolari nell’antichità greco-romana, provengono da giacimenti della penisola arabica e dell’India.

Come gli Egizi e i Greci, anche i Romani credevano che la corniola fosse dotata di poteri magici in grado di allontanare il malocchio.

La gemma incisa dell’anello raffigura una figura maschile che indossa un cappello rotondo e regge un bastone da passeggio. Questi attributi sono spesso associati al dio Hermes, conosciuto dai Romani come Mercurio.

Fonte Museo Johns Hopkins

La regina Elisabetta I Carcanet

Trovo un esempio notevole! Si tratta di un ritratto del 1592 in cui la regina Elisabetta I è raffigurata mentre indossa un carcanet (un tipo di collana) che comprende grappoli di perle che separano gioielli quadrati di corniola e una pietra scura, forse il giaietto. Questo ritratto dettagliato mette in evidenza l’uso della corniola nei gioielli elisabettiani, mostrando la sua importanza durante il suo regno.

Bestia mitica cinese

La corniola agata di questa qualità gemmosa brillante, naturalmente dotata del più ricco colore rosso corallo, sarebbe stata una risorsa altamente apprezzata nel XVIII secolo, riservata per opere d’arte imperiali di altissima qualità. Questa bestia mitica è eccezionale per l’alta qualità della sua intaglio, modellata abilmente in tondo per catturare il suo potente movimento, il corpo muscoloso, il torso e le gambe snelli ma potenti, e l’espressione feroce e in posizione. Potrebbe essere stata creata come fermacarte, o semplicemente come un “giocattolo”, un prestigioso oggetto di piacere per un patrono di alto rango.

Corniola 9cm x 3cm - DINASTIA QING, 18° SECOLO

La Dinastia Qing (1644-1912)

è nota anche come dinastia Manciù, è stata l’ultima dinastia imperiale della Cina. La dinastia fu fondata dal popolo Manciù, proveniente dalla Cina nord-orientale. La conquista della Cina fu completata nel 1644, quando i Manciù si impadronirono di Pechino. La dinastia Qing espanse il territorio cinese fino a includere Tibet, Xinjiang, Mongolia e Taiwan, raggiungendo la più grande estensione territoriale della storia cinese.

Gioielli turkmeni

I turcomanni, come vengono chiamati collettivamente più di due dozzine di gruppi tribali di origine etnica e linguistica turca, erano nomadi pastorali che vivevano in accampamenti, allevavano bestiame e cavalli e, occasionalmente, saccheggiavano le zone abitate per ottenere bottino e schiavi. Per garantire ai loro animali pascoli verdi tutto l’anno, le tribù si spostavano due o tre volte all’anno.

Le donne turkmene indossano una varietà di copricapi diversi, chiamati sinsile. Questo pezzo, un esempio del tipo indossato dalle ragazze ogni giorno fino al matrimonio, è notevole per la sua opulenza. Si tratta di una corona riccamente impreziosita da 377 perle di turchese e 33 carneli tagliati a tavola. Dalla parte inferiore della corona pendono tredici pendenti a goccia sospesi a catene. La parte superiore è decorata con tre mezze lune, simbolo dell’ascesa e del declino della vita umana.

Il Museo del Met

Corona - Fine XIX-inizio XX secolo - Asia centrale o Iran - Argento, carneli da tavola, perle di turchese - H. 22,9 cm

In Francia, durante la Rivoluzione, le donne svolsero ruoli cruciali, dalla partecipazione alla Marcia su Versailles alla formazione di club politici.

I gioielli in corniola divennero parte integrante del loro abbigliamento rivoluzionario. Figure come Charlotte Corday, che assassinò Jean-Paul Marat, sono spesso ricordate per il loro coraggio, e queste donne hanno ispirato altre a indossare gioielli simbolici.

Le donne russe furono attive nel movimento bolscevico e nei più ampi sconvolgimenti sociali. Facevano parte dei comitati rivoluzionari e parteciparono a eventi importanti come la Rivoluzione d’Ottobre. Leader come Alexandra Kollontai, sostenitrice dei diritti delle donne, esemplificarono lo spirito dell’epoca e i gioielli in corniola divennero un simbolo del nuovo ordine.

Conclusione

I gioielli in corniola durante questi periodi rivoluzionari erano un potente simbolo delle convinzioni e degli impegni di chi li indossava. La scelta della corniola, con il suo colore deciso e le sue associazioni storiche con il coraggio, la rendeva un emblema ideale per le donne che erano in prima linea nel cambiamento della società.

Simbolismo rivoluzionario

Foto da 1stdibds

Durante le rivoluzioni francese e russa, le donne indossavano gioielli in corniola per simboleggiare il coraggio e la ribellione.

La corniola, una gemma rosso-arancio, era considerata un simbolo di coraggio e vitalità. Le donne lo indossavano per dimostrare il loro coraggio di fronte agli sconvolgimenti politici. Il colore vibrante della corniola risuonava con lo spirito rivoluzionario, rappresentando il sangue e il sacrificio coinvolti nella lotta per la libertà e l’uguaglianza.

Pendentif - 1 Cornelian - Gold 890 - 1900
Magnifico portafortuna antico (1880-1900 circa) in oro giallo 14 carati.
Cammeo antico francese con marchio Parigi 1798. Pietra di corniola che rappresenta una dea greca classica. Oro 18 carati con montatura di perle naturali. Dimensioni: 51 x 32 mm